Dal 1 gennaio 2019 il Comune di Nave San Rocco si è fuso nel Comune di Terre d'Adige

Procedimenti amministrativi

di Martedì, 04 Giugno 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 12 Dicembre 2013

Elenco dei procedimenti amministrativi delle attività demografiche del Comune di Nave San Rocco

E' la possibilità di esprimere il voto, presso l'abitazione in cui dimora l'elettore affetto da gravi infermità, tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione, in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, contenuta nel decreto-legge 3 gennaio 2006 n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 gennaio 2006, n.22, modificato dalla legge 7 maggio 2009, n.46. La legge estende il diritto al voto domiciliare anche ad altre categorie di elettori intrasportabili affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l'ausilio dei servizi di trasporto pubblico che i comuni organizzano in occasione di consultazioni per facilitare il raggiungimento del seggio da parte di elettori disabili (art. 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104).

La legge 17/2003 permette di annotare in modo permanente il diritto al voto assistito, mediante l'apposizione di un timbro sulla tessera elettorale, nel rispetto delle disposizioni vigenti sulla tutela dei dati personali, per evitare all'elettore fisicamente impedito di dover produrre ad ogni consultazione il certificato medico idoneo per ottenere l'assistenza.

La Legge 76/2016 disciplina le convivenze di fatto. La dichiarazione per la costituzione di una convivenza di fatto può essere effettuata da due persone maggiorenni, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, residenti nel comune di Nave San Rocco, coabitanti e iscritte nel medesimo stato di famiglia. Gli interessati non devono essere legati da vincoli di matrimonio o da unione civile, né da rapporti di parentela, affinità o adozione. 

Qualsiasi cittadino (o altro soggetto) può segnalare all'Anagrafe fatti di cui è a conoscenza e che possono comportare modifiche della residenza (e conseguentemente anche dello stato di famiglia) di altre persone, come ad esempio il trasferimento in altra abitazione, comune o l’irreperibilità all’indirizzo.
 La segnalazione non dà diritto all’emanazione di provvedimenti specifici.
 L’Ufficio valuterà la situazione e predisporrà gli accertamenti necessari, decidendo autonomamente quali atti adottare ed in quali tempi.

Nel caso di vendita di un bene mobile registrato (autoveicoli, motocicli ecc), la firma sul documento di vendita potrà essere autenticata anche presso gli uffici comunali. Rientrano nella sfera di competenza del funzionario incaricato all’autentica unicamente gli atti indicati dall’articolo 7 del D.L. 223/2006. Gli atti di accettazione di eredità non sono di competenza del funzionario comunale non essendo contemplati nel predetto articolo 7.

Gli elettori del Comune possono chiedere di essere iscritti nell'albo dei Presidenti di seggio elettorale dal quale la Corte di Appello attinge per le nomine in occasione delle consultazioni elettorali e referendarie. Entro i primi giorni del mese di ottobre l'Ufficio elettorale – mediante affissione di pubblico manifesto - ricorda agli elettori la possibilità di essere inseriti nell'Albo presentando specifica domanda entro il 31 ottobre, indicando altresì i requisiti previsti dalla legge (ovvero essere elettori del comune, avere un'età inferiore a 70 anni, diploma di istruzione secondaria di secondo grado). L'Ufficio elettorale svolge l'istruttoria sulle domande ricevute e le trasmette al Sindaco il quale entro il 31 dicembre, sentita la Commissione Elettorale Comunale, accertato il possesso dei requisiti di legge e l'insussistenza di cause ostative, trasmette alla cancelleria della Corte d'Appello i nominativi da iscrivere unitamente a quelli da cancellare per perdita dei requisiti di legge.

Gli elettori del Comune possono richiedere l'iscrizione nell'albo degli scrutatori di seggio elettorale cui la Commissione Elettorale Comunale attinge per le nomine dei componenti dei seggi in occasione delle consultazioni elettorali e e referendarie. Entro il mese di ottobre l'Ufficio elettorale – mediante affissione di pubblico manifesto - ricorda agli elettori la possibilità di essere inseriti nell'Albo presentando specifica domanda entro il 30 novembre di ciascun anno, indicando altresì i requisiti previsti dalla legge (ovvero essere elettori del comune ed avere assolto gli obblighi scolastici). L'Ufficio elettorale svolge l'istruttoria sulle domande ricevute e le trasmette alla Commissione Elettorale Comunale, la quale – accertato il possesso dei requisiti di legge e l'insussistenza di cause ostative – entro il 15 gennaio provvede all'iscrizione nell'Albo. L'Albo è depositato per 15 giorni nella segreteria del comune e chiunque può prenderne visione.